COMUNE DI BORGO VALSUGANA
PROVINCIA AUTONOMA
DI TRENTO
REGIONE AUTONOMA
TRENTINO-ALTO ADIGE
COMUNITA' DI VALLE
VALSUGANA E TESINO
CONSORZIO B.I.M. BRENTA
PRO LOCO
BORGO VALSUGANA
CONSORZIO BORGO AL CENTRO
FEDERAZIONE DEI CIRCOLI CULTURALI
E RICREATIVI DEL TRENTINO
Logo Associazione

ORGANIZZAZIONE

Associazione Palio dela Brenta

C.F./P.IVA 90015490221 / 02243310220

PEC: paliodelabrenta@emailcertificatapec.it

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA

Cell. 347 3476901

info@paliodelabrenta.it

DOVE SIAMO

Via XXIV Maggio, 16

38051 Borgo Valsugana TN

MAIN SPONSOR

positivo-compatto.jpg

lo statuto

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE

“ASSOCIAZIONE PALIO DELA BRENTA”

 

Art. 1 – Denominazione e sede

Ai sensi della legge 383 del 7 dicembre 2000 e delle norme del Codice Civile, è costituita l’associazione culturale denominata “Associazione Palio dela Brenta” con sede a Borgo Valsugana in Via XXIV Maggio, 16, di seguito denominata “Associazione”. Le variazioni della sede sociale nell’ambito comunale non comportano variazioni al presente Statuto.

Art. 2 – Scopo

L’Associazione è apolitica, apartitica e senza fini di lucro e persegue i seguenti scopi:

  • Fini di utilità sociale per lo svolgimento, verso gli associati e verso terzi, di attività atte a promuovere e innalzare la qualità della vita;

  • Perpetuare attraverso i tempi le tradizioni folcloristiche, culturali e sportive dilettantistiche;

  • Sviluppare relazioni, scambi fra i Gruppi in occasioni di manifestazioni culturali, sportive dilettantistiche collaborando altresì con organizzazioni ed Associazioni culturali, turistiche, sportive e folcloristiche ed Enti Pubblici o Privati;

  • Collaborare con analoghi sodalizi folcloristici-culturali, aderire, affiliarsi e/o stipulare convenzioni e contratti con Federazioni, Enti, Organismi Nazionali ed Internazionali che perseguono gli stessi scopi;

  • Organizzare manifestazioni di ogni genere per indirizzare l'utilizzazione del tempo libero a fini culturali, ricreativi, sociali e sportivi;

  • Organizzare la manifestazione “Palio dela Brenta al Borgo” che si svolge a Borgo Valsugana;

L’Associazione non può svolgere attività diverse da quelle sopra indicate ad eccezione di quelle ad essa strettamente connesse o di quelle accessorie a quelle statutarie in quanto integrative delle stesse.

È caratterizzata altresì dalla democraticità della struttura, dell’elettività e gratuità delle cariche associative, dalle prestazioni fornite dagli associati e dall’obbligatorietà del bilancio; si deve avvalere prevalentemente delle prestazioni volontarie, personali e gratuite dei propri aderenti e non può assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo se non per assicurare il regolare funzionamento delle strutture o qualificare e specializzare le sue attività.

All’Associazione è vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione comunque denominati, nonché fondi e riserve o capitale durante la vita dell’Associazione stessa. L’Associazione ha l’obbligo di impiegare gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad essa direttamente connesse.

Art. 3 – Durata

La durata dell’Associazione è illimitata.

Art. 4 – Ammissione e diritti dei soci

Sono aderenti all’Associazione:

  • I Soci ordinari;

L’adesione all’Associazione comporta per l’associato, maggiore d’età, il diritto di voto attivo e passivo nell’assemblea per la nomina degli organi direttivi e per l’approvazione e le modificazioni dello Statuto e degli eventuali regolamenti. Sono soci ordinari coloro che aderiscono all’Associazione condividendone le finalità, che versano una quota annua e che usufruiscono dei servizi che l’Associazione si propone di erogare. I Soci ordinari hanno l’obbligo di partecipare attivamente e continuativamente alla vita dell’Associazione; impegnarsi nei modi e nelle forme previsti dal presente Statuto per il raggiungimento delle finalità sociali.

Chi intende aderire all’Associazione deve presentare domanda al Consiglio Direttivo. La validità della qualità di Socio è subordinata all’accoglimento della domanda da parte del Consiglio Direttivo, contro la cui decisione è ammesso appello all’Assemblea Generale. In caso di domanda a socio da parte di minorenni, la stessa dovrà essere controfirmata dall’esercente la potestà parentale. Il genitore che sottoscrive la domanda rappresenta il minore a tutti gli effetti nei confronti dell’Associazione e risponde verso la stessa per tutte le obbligazioni dell’associato minorenne.

 

Art. 5 – Decadenza dei soci

I soci cessano di appartenere all’Associazione nei seguenti casi:

  • Dimissione volontaria;

  • Inadempienza verso il pagamento della quota annuale di affiliazione;

  • Il Socio svolga attività in contrasto con le finalità dell’Associazione, con azioni ritenute disonorevoli entro e fuori l’Associazione o che, con la sua condotta, costituisca ostacolo al buon andamento dell’Associazione.

Il provvedimento di revoca assunto dal Consiglio Direttivo deve essere ratificato dall’Assemblea ordinaria.

Art. 6 -  Organi

Sono organi dell’Associazione:

  • L’Assemblea Generale dei Soci;

  • Il Consiglio Direttivo;

Art. 7 – Assemblea

L’Assemblea generale dei Soci è l’organo sovrano dell’Associazione ed è composta da tutti gli Aderenti in regola con il versamento della quota alla data di convocazione dell’Assemblea. Hanno diritto di voto gli associati maggiorenni.

L’Assemblea ordinaria si riunisce entro il mese di aprile per l’approvazione del bilancio consuntivo e del bilancio di previsione.

Sono compiti dell’Assemblea ordinaria:

  • Provvedere alla nomina del Presidente;

  • Provvedere alla nomina del Consiglio Direttivo;

  • Delineare gli indirizzi generali dell’attività dell’Associazione.

  • Stabilire l’ammontare della quota annuale d’iscrizione sia per i soci ordinari;

 Sono invece compiti dell’Assemblea straordinaria

  • Deliberare sulle modifiche del presente Statuto;

  • Deliberare lo scioglimento dell’Associazione e la destinazione del suo patrimonio.

L’Assemblea straordinaria può essere convocata in qualsiasi momento qualora vi siano motivi particolarmente importanti.

La convocazione dell’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è fatta mediante affissione di avviso nella bacheca comunale e mediante comunicazione via posta ordinaria o elettronica o fax o sms, inviata a tutti i Soci almeno otto giorni prima della riunione. Nella convocazione dell’Assemblea devono essere indicati, il luogo, il giorno, l’ora e l’ordine del giorno degli argomenti da trattare.

L’Assemblea è validamente costituita qualora in prima convocazione siano presenti almeno la metà più uno dei Soci. In seconda convocazione, che dovrà tenersi almeno due ore dopo la prima, l’Assemblea sarà valida qualunque sia il numero dei presenti.

Le assemblee sono presiedute dal Presidente del Consiglio Direttivo o, in caso di sua assenza, dal Vice-Presidente o, se anch’esso assente, da una delle persone intervenute in Assemblea e designata dalla maggioranza dei presenti. L’Assemblea nomina un segretario e, se necessario due scrutatori.

Ogni Socio ha diritto a un voto singolo esercitabile anche mediante delega apposta in calce all’avviso di convocazione. La delega può essere conferita solamente a un altro socio e ciascun delegato non può farsi portatore di più di due deleghe.

Le deliberazioni sono assunte con voto favorevole della maggioranza dei presenti.

Di ogni Assemblea si dovrà redigere apposito verbale firmato dal Presidente, dal Segretario e, se nominati, dai due scrutatori. Copia dello stesso deve essere messo a disposizione di tutti gli associati con le modalità ritenute più idonee dal Consiglio Direttivo a garantirne la massima diffusione.

Art. 8 – Consiglio direttivo

Il Consiglio Direttivo è costituito da un minimo di cinque ad un massimo di undici Soci ordinari eletti dall’Assemblea e dura in carica per quattro anni.

Ogni membro del Consiglio Direttivo può essere rieletto. In caso di recessione di un membro del Consiglio Direttivo si dovrà provvedere alla surroga con il primo fra i candidati non eletti nel corso dell’Assemblea nella quale è avvenuta la nomina. Il nuovo eletto decadrà dalla carica alla scadenza naturale del mandato di tutti gli altri Consiglieri.

Se, per qualsiasi motivo, viene meno la maggioranza dei Consiglieri, anche dopo aver cooptato tutti i candidati non eletti, l’intero Consiglio Direttivo deve intendersi decaduto e occorre procedere alla sua rielezione mediante convocazione di un’Assemblea straordinaria.

Le cariche del Consiglio Direttivo devono intendersi non retribuite, salvo la corresponsione, approvata in via anticipata dal Consiglio Direttivo, del rimborso delle spese documentate sostenute per le finalità previste dallo Statuto.

Sono compiti del Consiglio Direttivo:

  • Eleggere, al suo interno il Vicepresidente, il Segretario e il Tesoriere;

  • Redigere il bilancio preventivo e quello consuntivo da sottoporre all’Assemblea;

  • Gestire l’Associazione secondo gli indirizzi delineati dall’Assemblea;

  • Fissare le date delle Assemblee ordinarie dei Soci da indire almeno una volta all’anno e convocare l’Assemblea straordinaria qualora lo reputi necessario o venga richiesto dai Soci;

  • Decidere sull’ammissione di nuovi Soci e sulla loro esclusione;

  • Decidere sull’affidamento di mansioni specifiche ai Soci ritenuti adatti allo svolgimento di compiti particolarmente importanti;

  • Stilare il Regolamento interno.

Esso è convocato dal Presidente ogni qualvolta questi lo ritenga necessario, oppure se ne sia fatta richiesta da almeno tre Consiglieri e comunque almeno una volta ogni quattro mesi. La convocazione è fatta mediante comunicazione via posta ordinaria o elettronica o fax o sms, almeno cinque giorni prima della riunione. Nella convocazione del Consiglio Direttivo devono essere indicati, il luogo, il giorno, l’ora e l’ordine del giorno degli argomenti da trattare. Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente o, in sua assenza, dal Vicepresidente più anziano.

La convocazione del Consiglio Direttivo è ritenuta valida con la presenza di almeno la metà dei suoi componenti. Le deliberazioni verranno adottate a maggioranza; in caso di parità prevarrà il voto del Presidente.

Le deliberazioni del Consiglio Direttivo dovranno risultare da apposito verbale che verrà stilato dal Segretario.

Art. 9 – Presidente

Il Presidente, eletto dall’Assemblea, rappresenta l’Associazione di fronte a terzi e anche in giudizio.

Sono compiti del Presidente:

  • Firmare gli atti ufficiali dell’Associazione;

  • Convocare e presiedere l’Assemblea dei Soci;

  • Seguire e controllare le attività dell’Associazione secondo le direttive e le deliberazioni assunte dall’Assemblea Generale dei Soci e del Consiglio Direttivo, nonché tutte le attività che verranno svolte dall’Associazione.

 

Art. 10- Patrimonio

 Il patrimonio dell’Associazione è costituito da beni mobili e immobili che provengono all’Associazione a qualsiasi titolo, per donazione o elargizioni o contributi versati da parte di Enti pubblici o privati o da persone fisiche.

Per l’adempimento dei fini statutari l’Associazione dispone delle seguenti entrate:

  • Le quote annuali dei Soci;

  • I redditi derivanti dal suo patrimonio;

  • Gli introiti derivanti dalla propria attività;

  • I contributi da Enti pubblici reperiti secondo la normativa vigente.

L’adesione all’Associazione non comporta obblighi di finanziamento o di versamenti ulteriori rispetto al versamento della quota annuale. Tutti i versamenti nei confronti dell’Associazione sono a fondo perduto e non sono quindi rivalutabili né reperibili. Non può pertanto essere avanzata richiesta di rimborso né in caso di scioglimento dell’Associazione, né in caso di recesso o di esclusione dalla stessa. Il versamento non crea altri diritti di partecipazione oltre a quelli previsti dal presente Statuto e non crea quindi quote indivise di partecipazione trasmissibili a terzi, né per successione a titolo particolare, né per successione a titolo universale, né per atto tra vivi a causa di morte.

 

Art. 11 – Rendiconto economico-finanziario

Il rendiconto economico-finanziario dell’associazione è annuale e decorre dal primo gennaio di ogni anno. Il conto consuntivo contiene tutte le entrate e le spese sostenute relative all’anno trascorso. Il conto preventivo contiene le previsioni di spesa e di entrata per l’esercizio annuale successivo.

Il rendiconto economico-finanziario è predisposto dal Consiglio direttivo e approvato dall’assemblea generale ordinaria con le maggioranze previste dal presente statuto, depositato presso la sede dell’associazione almeno 8 gg. prima dell’assemblea e può essere consultato da ogni associato.

Il conto consuntivo deve essere approvato entro il 31 marzo dell’anno successivo alla chiusura dell’esercizio sociale.

Art. 12 - Scioglimento

In caso di scioglimento, da determinarsi mediante Assemblea Generale Straordinaria dei Soci, l’Associazione ha l’obbligo di devolvere il proprio patrimonio ad altre analoghe associazioni senza fini di lucro o a Enti/Associazioni per fini di utilità sociale.

Art. 13 – Norma di rinvio

Per tutto ciò che non è espressamente previsto dal presente statuto si applicano le disposizioni previste dal Codice civile e dalle leggi vigenti in materia.

 

 

 

AGGIORNAMENTO:

Aggiornato al 18 dicembre 2016, come da delibera dell’Assemblea Generale Straordinaria dei Soci dell’Associazione Gruppo storico Palio dela Brenta, riunitasi a Borgo Valsugana, Via XXIV Maggio, 12.